venerdì 29 marzo 2013

MISS-TRAVEL




Fare un viaggio a qualunque costo?!?! Chi si iscrive a Miss-Travel è davvero pronto\a a tutto pur di godersi una bella vacanza. Si tratta infatti di un social forum che incrocia domanda e offerta, di chi pur di andare in vacanza è pronto\a a partire con persone sconosciute che per non viaggiare sole pagheranno tutto: dal volo aereo all'albergo. Bisogna vedere che cosa poi chiederanno in cambio!!!






martedì 26 marzo 2013

DEATH CAFE




A Londra sono di moda i Death Café, locali in cui la gente si ritrova ogni settimana per parlare della morte. Hanno addirittura creato un'App che calcola il tempo che ti resta da vivere: in base alla tua età e alle statistiche. Che ne dite, andiamo a prendere un café?!?!?




lunedì 25 marzo 2013

IL LUNEDI DELLA LUMACA



Chiamate in arrivo, sms e social network, tutto in un orologio!!! Si chiama i'm Watch, nato dalla mente di due italiani, è il primo orologio al mondo che oltre a segnare l'ora permette di navigare in internet. Con design e tecnologia italiana il display è touch screen ed è disponibile in sette colori.





sabato 23 marzo 2013

BABY LIFE






Per più di vent'anni della mia vita ho dormito in un letto a castello. Avendo la fortuna di avere due fratelli (poveri figli unici) gli spazi erano notevolmente ridotti e io e Claudio dormivamo su un letto a castello. Era fantastico: ci siamo divertiti da matti, facevamo mille acrobazie arrampicandoci da ogni parte, facevamo gare di velocità per arrivare nel letto di sopra. Un letto che a seconda delle necessità diventava una nave pirata, un astronave o il castello incantato. Provate solo a immaginare cosa avremmo potuto fare con un letto Woodland!!!






venerdì 22 marzo 2013

SPRING TIME





La primavera è legata per me al nome di Philipp Rosenthal ed alle sue preziosissime porcellane. Vasi dalle forme elaborate con raffinate decorazioni, si distinguono per l'uso di una porcellana sottilissima realizzata a mano. Un marchio che comprende delle vere e proprie opere d’arte sia in porcellana che in cristallo, servizi da tavola e complementi d'arredo. I miei preferiti però sono i vasi che sanno tanto di primavera.




mercoledì 20 marzo 2013

HAPPY FOOD


Io vado matta per i biscotti, non nel mangiarli a dire la verità ma nel cucinarli!!! Soprattutto sotto le feste io, mia sorella e le gnome ne prepariamo una valanga di tutti i colori. Peccato che durino solo pochi giorni!!! Mi piacerebbe molto avere questi stampi per utilizzarli il prossimo Natale!!!






martedì 19 marzo 2013

JURIANNE MATTER

















 























Mi piace la carta e mi piace chi sa usarla per farne qualcosa di bello. Se anche voi come me avete questa passione non potete perdervi i decori realizzati da Jurianne Matter. Lei con la carta crea angeli, lanterne,alberi...








lunedì 18 marzo 2013

IL LUNEDI DELLA LUMACA



Quando ho scoperto questo SITO ci sono letteralmente cascata dentro!!! Ho perso ore a girarlo in tutti i suoi più reconditi spazi. E' fenomenale vedere quanti modi ci sono per confezionare tutti i prodotti in circolazione. Perdercisi dentro è garantito!!! 



sabato 16 marzo 2013

BABY LIFE





Uno degli incubi di tutte le donne che hanno appena scoperto di essere incinte è quello che siano gemelli! E' proprio a queste donne che dedico la mia rubrica mensile Baby Life segnalando un bellissimo sito spagnolo Tot-a-lot tutto dedicato alla vendita di prodotti gemellari. Buon sabato pieno di sole a tutti.







lunedì 11 marzo 2013

IL LUNEDI DELLA LUMACA




A breve la Lavazza, noto marchio italiano di caffè, potrebbe iniziare a far circolare soprattutto nei bar, la tazzina di caffè commestibile, realizzata con la comune cialda e lo zucchero. Non vedo l'ora di trovarla anche nel mio bar di fiducia!!!


sabato 9 marzo 2013

PETS & COMPANY


Mario Dessolis è un Pastore Barbaricino di Mamoiada in Sardegna. Nel suo sito presenta la sua azienda e i suoi prodotti: formaggi e latticini. Sono tante le iniziative che Dessolis propone durante tutto l'arco dell'anno, tra queste c'è "Adotta una pecora di Mamoiada" che dà la possibilità di avere una pecora in adozione e tutti i prodotti genuini da essa prodotti. 


Con l'adozione di una pecora oltre ai prodotti di Mamoiada potrete seguire on line le novità, gli aggiornamenti sulle attività proposte e riceverete anche la foto della vostra pecora. Il costo dell'adozione è di € 140 a capo. Una bellissima iniziativa assolutamente da non sottovalutare.



venerdì 8 marzo 2013

BOOM





Avete presente quelle canzoni che ti ritrovi ad ascoltare in macchina senza mai averle sentite prima? Quelle canzoni che sono già a metà e che quando finiscono lo speaker non dice mai nè titolo nè cantante? Quelle canzoni sconosciute che cercherai di rintracciare per le settimane a venire accendendo la radio in ogni momento, cercando di ricordarne le parole, canticchiandole agli amici nella speranza che qualcuno le conosca? Proprio questo mi è successo più di un mese fa, ho acceso la radio e BOOM. 


 


Ecco una canzone che ha avuto il potere come un calcio nello stomaco di riportami indietro nel tempo in maniera quasi imbarazzante. Pochi istanti sono bastati per dare il via ad un estenuante ricerca della canzone. Il tempo è passato con esito sempre negativo e mi sono rassegnata: ho smesso di cercarla. Poi una mattina ho acceso la radio e BOOM.






mercoledì 6 marzo 2013

LE SEDIE DI ANNIE








http://chairsandbuildings.com/ by Annie Coggan


10 ore di lavoro massacrante...
doccia e cena con le amiche del calcetto...
un salutino veloce...




martedì 5 marzo 2013

LA VOLPE E LA BAMBINA




"La volpe e la bambina" mi ha semplicemente conquistata. E' un film bellissimo, innocente e delicato. Un film che racconta l'amicizia tra una volpe e una bambina. Prima di vederlo mi sono letta un sacco di materiale su questo film, sul regista e sulle volpi.








Naturalmente la cosa più bella del film sono i capelli rossi della protagonista ; D






lunedì 4 marzo 2013

IL LUNEDI DELLA LUMACA



Chi lo ha detto che le farfalle sono solo un formato di pasta? Il designer giapponese Shunsuke Umiyama ne ha fatto un accessorio da uomo in chiave moderna e intrigante. Sul retro di ogni farfallino c’è una clip così da poterlo applicare con facilità al collo. Nel sito viene proposto in sei varianti cromatiche.





sabato 2 marzo 2013

L'ANGOLO DI FABIENNE

GIAPPONE, LA TRISTE FINE DEI CEDRI CENTENARI DIVENTATI RADIOATTIVI IN POCHI GIORNI.


20 mesi dopo la catastrofe nucleare di Fukushima-Daiichi, mentre parecchie decine di migliaia di persone protestavano di nuovo ieri a Tokio contro la precipitosa rimessa in servizio dei reattori di Ohi, un servizio del NHK, diffuso il 9 novembre, ci informava sui lavori di decontaminazione effettuati a Minamisoma, una città situata parzialmente fuori dalla zona di interdizione ma tuttavia contaminata al livello di 15 a 20 mSv "annui."

 


 Ricordatevi, non è passato così tanto tempo, il Giappone sperava di mettere velocemente a punto delle "nuove" tecniche di decontaminazione high-tech. Sul terreno, 20 mesi dopo la catastrofe, la realtà è ben altra: nei comuni contaminati, gli impiegati e talvolta i volontari-incaricati di questo lavoro diverso dagli altri, si sono accorti finalmente che la "decontaminazione tradizionale" basata sull'uso di pulitori ad alta pressione non faceva altro che spostare temporaneamente il problema dai tetti verso le grondaie, dalle grondaie verso i giardini, dai giardini verso i fossati ed i fiumi. Contrariamente alle informazioni ricevute, non potevamo sbarazzarci così facilmente della contaminazione.

Nella parte di Minamisoma non evacuata, gli addebiti di dose raggiungono 2 µSv/h, 17 mSv/an
Il reporter NHK si trova a Minamisoma al livello di una di queste zone che superano 1µSv/h (05:00). Precisa che i risultati della decontaminazione nonostante gli sforzi non hanno portato i risultati aspettati.
 
Good morning minamisoma!

La radio locale MinamiSoma Disaster FM trasmette a inizio di programma i livelli giornalieri di radioattività: tra 1.5 e 3 µSv/h, il tutto somiglia furiosamente ad una diffusione codificata della celebre radio Russa UVB-76 ma su un fondo di musica dolce (05:40). A sentire questa diffusione, a vedere le immagini serene del servizio diffuse dietro alle cifre che sfilano, a nessuno verrebbe in mente l'idea di un Giappone post-apocalittico, ma questa voce neutra, questo ciclista indifferente, i bambini gioiosi delle scuole contaminate, cosa diventeranno tra 5 anni, 10 anni, 20 anni? Situata al di là della zona dei 20 km, la parte di Minamisoma che si trova ai piedi delle montagne è stata estremamente colpita dalla contaminazione, pure trovandosi leggermente fuori dal limite di evacuazione fissato dalle autorità nazionali a 20 mSv/an. Le autorità municipali sono state cosi costrette a tentare di decontaminare le strutture pubbliche ed in priorità le scuole, poiché si sa che i bambini, più che gli adulti, sono più facimente colpiti dalla radioattività. L'obiettivo era di diminuire la dose da dieci a venti volte riportandola alla soglia annua di 1 mSV 1. In apparenza, l'obiettivo sembra essere stato raggiunto al livello della scuola (07:00), ma a quale prezzo, e cosa diventano poi le enormi quantità di terra contaminata tolta dal suolo?
 
Prima sorpresa: gli abitanti decontaminano loro stessi gli accessi della scuola

Nonostante questi investimenti astronomici, sono gli abitanti stessi a procedere alla decontaminazione delle vie e strade di accesso alla scuola. Qui (07:20) ritroviamo la celebre e presto obsoleta tecnica del karcher che spinge "altrove" la radioattività.


 


Seconda sorpresa: il conto non torna!

Mentre il dosimetro installato nella scuola segnala un addebito di dose ambientale quasi troppo bello per essere vero, gli abitanti-decontaminatori di Fukuno devono arrendersi all'evidenza: una semplice pulizia superficiale non basta perché la radioattività si riconcentra appena la polvere si rideposita al suolo,il karcher spinge solo i radionuclidi verso i bordi della strada cementata solitamente fatta dagli scolari.
 
Terza sorpresa: una velocità di "decontaminazione" stimata in 10 metri di marciapiede l'ora

Un altro problema è che passata la decontaminazione iniziale che ciascuno pensava finale gli effettivi delle squadre di decontaminatori dilettanti si sono velocemente ridotti chissà perché! È un fatto: il compito è immenso ed i volontari si stancano velocemente, ricompensati male per un cantiere imal stimato dal principio, senza neanche evocare i rischi che questa popolazione affronta coi mezzi ridicolmente poco appropriati, come le maschere monouso e gli abiti da giardinaggio. 

Quarta sorpresa: anche dentro le scuole, rimangono punti caldi

Il nostro amico T. Kodama visita una delle scuole recentemente decontaminate e si accorge che ci sono ancora dei punti caldi sotto il tetto, particolarmente nelle tubature e grondaie che hanno riconcentrato la radioattività spinta dal tetto (10:48). Nella palestra, un innocuo aspirapolvere si rivela oramai una fonte radioattiva minacciosa: 2 µSv/h (12:00). non osiamo reiterare il paragone tra dei filtri di aspirapolvere o di climatizzatore e dei polmoni umani. Kodama aveva gridato, gridiamo con lui: nessun altro sembra avere preso coscienza della gravità della situazione sanitaria nelle zone vicine non-evacuate! Il Dr. Kodama resta tuttavia ottimista stimando che 3 campagne di decontaminazione dovrebbero avere ragione degli estremi punti caldi e restituire un aspetto quasi normale alle scuole. Quasi…

Quinta sorpresa: la motosega, attrezzo estremo di decontaminazione?

Visitando le abitazioni di Minamisoma, il Dr Kodama ha definito che le particelle radioattive non erano tanto concentrate nelle abitazioni stesse il che è rassicurante ma sembravano provenire dall'alto. Una volta fuori, Kodama ed i suoi assistenti hanno constatato che la fonte radioattiva proveniva in effetti dai grandi alberi che circondano l'abitazione e che presentavano un addebito di dose di 1.5 µSv/h rilevato al livello del suolo. Questi magnifici cedri (Igoune) avevano protetto le abitazioni durante decine addirittura centinaia di anni e ora si rivelano pericolosi, per il semplice fatto di essere stati esposti agli effetti oscuri di un concentrato di pretesa, di stupidità e di avarizia umana chiamata energia elettronucleare. La sorte dei cedri era segnata: se gli alberi avevano forse temporaneamente resistito alla radioattività, non hanno resistito molto tempo alla motosega.


Tradotto per Biancheggiando da Fabienne Melmi.
Fonte : Losing the sheltering trees, NHK, 9/11/12 (vidéo de 49 minutes, anglais) http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=or_rksDBssw
http://gen4.fr/2012/11/japon-cedres-centenaires-radioactifs.html


venerdì 1 marzo 2013

MASTER CHEF


Questo mese è volato via veloce come il vento freddo d'inverno. E tra le tante cose belle che ha lasciato ci sono anche i ravioli preparati da me e dalle gnome una domenica mattina.









Devo dire che Teresa è diventata oramai un'esperta di pasta fatta in casa ed è in grado di eseguire tutto il procedimento anche da sola!!! Bianca invece adora mettere le mani in mezzo al ripieno e fare le palline. Come è come non è il risultato è stato da leccarsi i baffi!!!




Related Posts with Thumbnails