giovedì 31 dicembre 2009

IL CAPODANNO, IL ROSSO E LA CINA

















 




Il Capodanno è un giorno con un suo fascino particolare, un giorno con le bollicine, un giorno in cui il rosso ne fa da padrone un giorno e una notte in cui tutto è possibile, un giorno fatto solo di dieci secondi, un giorno lungo un anno. Un giorno romantico pieno di candele rosse, vischio, stelle di Natale e saponette profumate. Una delle domande che ricorre frenetica il 31 è: "Come mi vesto"? L'uso più in voga per la notte di Capodanno è quella di indossare qualcosa di rosso.





 















L'usanza risale ai tempi di Ottaviano Augusto, quando le donne e gli uomini erano usi indossare per il Capodanno Romano questo colore che rappresentava già allora il potere, il cuore, la salute e la fertilità. Andando ancora più indietro nel tempo l'uso del rosso si ritrova addirittura nelle antiche usanze cinesi che prevedevano striscioni augurali rossi appesi su tutte le porte di casa. Anche in questo caso il rosso indica il colore del matrimonio, della gioia e della felicità.





 












Quindi qualunque cosa decidiate di indossare: gonna o pantaloni, vestito o tuta il punto di partenza è semplice: il rosso!!! Che sia il colore dell'intero abito da sera, della singola maglietta, della sciarpa o dell'intimo, l'importante è averlo addosso!!! Io sò già cosa indosserò questa sera di rosso... e voi?!

lunedì 28 dicembre 2009

TUTTI I COLORI DEL LUNEDI

GRIGIO


















 



Il grigio è uno strano colore, un colore che non riesco ad associare a nulla di positivo io infatti lo lego alla noia, alla nebbia, all'indifferenza, alla pigrizia, al traffico, alla città, alla falsità, alla pigrizia (un pò come "gli uomini grigi" nel libro "Momo").
Vi prego trovate almeno voi un pensiero positivo legato a questo colore!!!!

sabato 26 dicembre 2009

NATALE A CASA


















 



In questi giorni stò pensando di raccogliere firme per una petizione: "CHIUDIAMO IL CINEMA". Sono ormai arrivata alla frutta, non credo di poter sopravvivere ad un altro cinepanettone : (
Da anni a Natale i film di Cristian De Sica e Massimo Boldi sbancano i botteghini e ogni anno non mi capacito come si possa vedere un film che è la copia esatta di quelli precedenti. Premesso che la comicità volgare non mi fa ridere io mi chiedo come si possa ogni Natale ridere delle stesse squallide battute. Capisco il rito del film di Natale da vedere con gli amici ma fra tutti quelli in uscita ce ne sono sicuramente di migliori. Un altra cosa che non mi spiego è come facciano i genitori a portare i bambini.
Vi sembrano film per la famiglia?
Vedere entrare nelle sale che proiettano questi film bambini di 7-8 anni mi dà il voltastomaco. Forse mio padre era esagerato che ogni volta che in un film due si baciavano o dicevano una parolaccia cambiava canale, ma da qui a vedere tette, culi, parolacce o situazioni volgari c'è un abisso. A mio parere a 8 anni i bambini non hanno gli strumenti per certe immagini o parole. Proprio ieri mio cugino tutto contento abbraccia la figlia dicendole di avere una sorpresa ovvero di avere affittato "Natale a Rio" l'unico che ancora non avevano visto. Mia nipote ha 9 anni. Non ho fatto nessun commento, sono rimasta semplicemente senza parole.


venerdì 25 dicembre 2009

BUON NATALE





25 dicembre 2009...
E' Natale...

Colgo l'occasione per fare a tutti i miei auguri: auguro a tutti un Natale che ci permetta di capirne il suo significato più profondo, un Natale che vada oltre la bellezza degli addobbi o la gioia dei regali. Non dimentichiamo che oggi è la festa del più povero tra i poveri, nato umilmente in una mangiatoia; colui che ci ha insegnato a perdonare i propri nemici, ad amare tutti senza nessuna distinzione; colui che ancora oggi dopo duemila anni continua a proporci un cammino diverso.

BUON NATALE.

lunedì 21 dicembre 2009

TUTTI I COLORI DEL LUNEDI

NERO

























Il nero, il nero e la notte, il nero della paura, dell'eccesso e della sensualità.

sabato 19 dicembre 2009

EDITH SODERGRAN

EDITH SODERGRAN (1892-1923)


















Edith Sodergran nasce a Pietroburgo da genitori
finlandesi di lingua svedese, trascorre quasi tutta la vita a Raivola in Carelia. Frequenta una scuola tedesca. Edith passa lunghi anni in sanatori perchè malata di tisi. Debutta come poetessa nel 1916 con un volumetto di poesie cui ne seguiranno altri nel 1918 e nel 1919. L'ultima sua opera è "Il paese che non esiste" che uscirà postumo nel 1925. Edith infatti morirà di tisi a soli trentun anni, povera e sconosciuta, trovando solo dopo la morte fama internazionale.



IL PAESE INESISTENTE

Ho smania del paese inesistente,
perchè desiderare l'esistente
mi ha stancata. La luna
mi racconta, in rune d'argento,
la storia del paese inesistente.
Là dove tutti i nostri desideri
sono mirabilmente soddisfatti,
dove cadono tutte le catene
e la rugiada lunare
placa la fronte ferita.
La mia esistenza è stata
un delirio bruciante.
Ma con una scoperta, una conquista:
la via per il paese inesistente.

In quel paese assente
l'uomo che amo porta una corona
sfavillante. Che uomo?
Tenebrosa è la notte,
e la risposta vibra nelle stelle.
Chi è? Come si chiama?
L'arco dei cieli si solleva ancora
e annega un figlio d'uomo nelle nebbie
sconfinate, ignorando la risposta.
Ma la certezza sta nel figlio d'uomo.
Stende le braccia, e supera
tutti i cieli. Discende la risposta:
E' me che ami, e che amerai in eterno.

lunedì 14 dicembre 2009

TUTTI I COLORI DEL LUNEDI

BIANCO


























Dopo una settimana di pausa ecco di nuovo la mia rubrica del lunedì!!!!

Il bianco sarà il colore di questa settimana.
Il bianco e l'ambiguità che esso porta dentro di me.
Il bianco che amo per i valori che rappresenta: purezza, castità, bellezza.
Il bianco che nella vita di tutti i giorni tende ad annoiarmi.
Sarà perchè alle bionde il bianco stona (ora che mi è cambiato il colore dei capelli va un pò meglio), sarà perchè i piatti bianchi mi ricordano l'ospedale, sarà perchè il bianco è un non colore e io ho un anima colorata.
Però mi piace il bianco della neve, il foglio bianco che aspetta di essere disegnato, lo zucchero filato, il cappuccino.
Insomma non riesco a prendere una decisione netta su questo colore.

E voi, voi cosa ne pensate?

domenica 13 dicembre 2009

07-12-2009

Quest'anno è stato un compleanno molto speciale per una valanga di motivi, su tutti ce n'è uno in particolare che più degli altri mi ha reso molto felice. Inaspettatamente ho ricevuto tra i regali due bellissime macchinette fotografiche!!!
La prima viene da un passato lontanto, è arrivata un pò di tempo prima del 7 perchè
ha avuto bisogno di un breve restyling.





















Non è stupenda?!?!? Quando la uso mi sembra di essere nei primi del 900!!! Appena avrò sviluppato il primo rullino pubblicherò qualche foto.
La seconda invece è una Yashica IX 103, è arrivata come una giornata di primavera a gennaio, come una festa di carnevale ad agosto o un gol su rovesciata durante una partita di calcetto!!!
Insomma dire che sono rimasta stupita, sorpresa, sbalordita è dire poco!!!
Grazie e ancora grazie.

P.S.
ora per il prossimo compleanno come regalo vorrei un borsone per poterle portare sempre con me... fino ad ora con due macchinette è stato abbastanza semplice ma con quattro non sò proprio come farò!!!


lunedì 7 dicembre 2009

TRENTA PAROLE PER UN GIORNO






un giorno... tiepido
un giorno... coccoloso
un giorno... ridente
un giorno... mangiucchioso
un giorno... soleggiato
un giorno... tenero
un giorno... lento
un giorno... limpido
un giorno... gustoso
un giorno... sereno
un giorno... succoso
un giorno... dolcissimo
un giorno... pulito
un giorno... romantico
un giorno... cioccolatoso
un giorno... lungo
un giorno... caldo
un giorno... passeggiante
un giorno... fidanzato
un giorno... musicale
un giorno... canterino
un giorno... infinito
un giorno... piovoso
un giorno... freddoloso
un giorno... sorprendente
un giorno... ricco
un giorno... fotografico
un giorno... sbaciucchioso
un giorno... felice


domenica 6 dicembre 2009

TRENTA GIORNI IN TRENTA PAROLE

IL MIO PERSONALISSIMO COUNTDOWN



























pensa... Firenze
sogna... Firenze
respira.. Firenze
colora.. Firenze
mangia... Firenze
scrive... Firenze
cucina... Firenze
immagina... Firenze
beve... Firenze
canta... Firenze
ride... Firenze
gioca... Firenze
disegna... Firenze
vuole... Firenze
racconta... Firenze






















balla... Firenze
fotografa... Firenze
dorme... Firenze
spera... Firenze
cerca... Firenze
urla... Firenze
corre... Firenze
dipinge... Firenze
suona... Firenze
recita... Firenze
cammina... Firenze
lecca... Firenze
aspetta... Firenze
compra... Firenze
soffia... Firenze


sabato 5 dicembre 2009

TERRE DI MEZZO




In questo ultimo periodo mia figlia prima di addormentarsi è andata in "fissa" per le favole dell'africa nera. Il libro dal quale leggo si intitola: "Il giorno in cui il leone regalò una coda agli animali". Ho acquistato questo libro da un venditore ambulante venendo così a conoscenza di "Terre" (visitate il loro sito).
Quest'ultimo è un giornale di strada che da 10 anni offre ai suoi venditori occasioni di dignità e integrazione attraverso una collaborazione concreta. I venditori sono stranieri che desiderano integrarsi in modo legale nel nostro Paese. "Terre di mezzo", con la vendita ambulante di giornali e libri, offre loro un opportunità. In 10 anni circa 800 persone hanno venduto il giornale per periodi più o meno lunghi permettendo loro di vivere una vita dignitosa in Italia e sostenere le loro famiglie nel Sud del mondo. I venditori di "Terre di mezzo" si riconoscono da una tessera con nome e foto.

Il libro che ho acquistato è molto bello, l'Africa infatti ha un'antica tradizione di narrazioni e si avverte un pò la magia come se aprendo il libro e leggendo ad alta voce ci si trovasse insieme in cerchio, come in una tribù per lasciarsi incantare dalle storie di questi animali in fondo così simili a noi.

lunedì 30 novembre 2009

TUTTI I COLORI DEL LUNEDI

ARANCIONE



























L'arancione è un colore che a me fa venire in mente le persone allegre, le sorprese e le follie!!! E a voi?!?! 

domenica 29 novembre 2009

sabato 28 novembre 2009

BABBO NATALE... CERCASI...




Un agenzia che si occupa dell'organizzazione di eventi di vario genere, la Pink Animation, ha pensato, da qualche anno di fornire un servizio di consegna a domicilio dei regali di natale ai bambini che si siano dimostrati veramente i più buoni.
Proprio in questi giorni l'agenzia ha aperto le selezioni per la ricerca del Babbo Natale perfetto. Il suo compito consisterà nella consegna dei regali nelle case delle famiglie che sceglieranno questo tipo di servizio.
I bambini potranno quindi ricevere direttamente da Babbo Natale i doni richiesti!!!
Le consegne dei regali hanno la durata di circa 30 minuti e il "gigante rosso" sarà accompagnato dal suo fedele aiutante folletto, parlerà con i bambini consegnandogli i doni e facendogli promettere di essere ancora più buoni in futuro.
Gli orari di consegna sono all'incirca questi: dalle 18.30 fino alle 24.30 del 24 dicembre e dalle 9 alle 13 del 25. La retribuzione del Babbo Natale prescelto è da stabilirsi.

Per candidarsi inviare il curriculum all'indirizzo info@pinkanimation.com

Buona fortuna!!!!

lunedì 23 novembre 2009

TUTTI I COLORI DEL LUNEDI

VERDE


























Il verde è un colore bellissimo perchè lo associo a momenti e persone per me molto importanti. Questo colore infatti è legato al viaggio, alla primavera, alla forza della natura, alla gentilezza, al calcetto: mio fratello è verde. E voi cosa associate a questo colore?

sabato 21 novembre 2009

NELLY SACHS

NELLY SACHS (1891-1970)





















Nelly Sachs nasce a Berlino il 10 dicembre 1891, di origini ebraiche è figlia di un ricco commerciante. Subisce la persecuzione hitleriana e quando stà per recarsi in un Arbeitslager, riesce a rifugiarsi a Stoccolma grazie all'aiuto di Selma Lagerlof, cui aveva dedicato una raccolata di leggende e racconti. Qui acquista fama come traduttrice dei poeti svedesi contemporanei. Solo nel 1947 pubblica un suo libro di poesie che avranno come tema la fuga e la persecuzione. Nel 1966 vince il Premio Nobel. Muore a Stoccolma nel 1970.


PROTETTI SONO GLI AMANTI

Protetti sono gli amanti
sotto il cielo murato.
Un elemento misterioso gli dà il fiato
e fanno vivere le pietre
e tutto ciò che cresce
trova ormai una patria solo in loro.

Protetti sono gli amanti
e solo per loro gli usignoli continuano a cantare
e non sono morti nella sordità
e la quiete leggenra del bosco, i caprioli,
soffrono per loro in mansuetudine.

Protetti sono gli amanti,
vedono il dolore nascosto del tramonto
sanguinare sul ramo di un salice
e di notte si esercitano sorridendo alla morte,
la quieta morte,
con ogni fonte che stilla in nostalgia.

lunedì 16 novembre 2009

TUTTI I COLORI DEL LUNEDI

ROSA

























Il rosa è un colore che ho imparato ad apprezzare da poco, prima lo snobbavo altamente (se si può dire così di un colore). Il rosa è il colore della dolcezza, della timidezza, dell'infanzia, della tenerezza. E voi quali sensazioni associate a questo colore?




sabato 14 novembre 2009

CIAO





Proprio ieri sera mi è successa una cosa straordinaria: ho visto un CIAO parcheggiato vicino alla mia macchina!!! Che emozione, erano secoli che non ne vedevo uno. E' stata una bella sensazione che mi ha fatto tornare indietro nel tempo, a quando il CIAO si poteva guidare senza patente, senza targa e senza casco, quasi come una bicicletta. Il CIAO infatti aveva la possibilità di disinnescare la ruota posteriore dal motore trasformandosi da motorino a silenziosa bicicletta. Oggi di CIAO se ne vedono più pochi in giro e chi ne possiede ancora uno si ritrova possessore di un piccolo veicolo d'epoca. A partire dagli anni 70 il CIAO è stato uno dei motorini più amati e venduti in Italia anche perchè incarnava il sogno di libertà degli adolescenti.
I parcheggi dei centri storici ne erano pieni. Una curiosità è che per la campagna di lancio del motorino furono cercate idee anche nel mondo dei vespisti. Il CIAO infatti monta un motore elastico e generoso simile a quello adottato dalla Vespa, una soluzione che si rivelò utile sia per le tasche che per l'ambiente. Sicuro ed efficiente il CIAO è sempre stato apprezzato per l'eleganza e per la perfezione dei suoi congegni meccanici.
Insomma... che flash ieri sera!!!!!! Per un attimo mi sono ritrovata sedicenne quando il mio grande amore girava proprio con uno scassatissimo CIAO.



lunedì 9 novembre 2009

TUTTI I COLORI DEL LUNEDI

GIALLO

























Il giallo lo associo a sentimenti ed emozioni bellissime, proprio per questo da un pò di tempo a questa parte è diventato il mio colore preferito. Indosso sempre qualcosa di giallo (anche quando non si vede) dormo in qualcosa di giallo, mangio qualcosa di giallo, mi contorno di cose gialle, le mie amiche sono gialle!!! In poche parole per me questo colore esprime: l'allegria, la vita, l'estate, le persone simpatiche, dimenticavo, mia sorella è gialla!!! E voi quali emozioni, stati d'animo associate al giallo?


sabato 7 novembre 2009

ALDA MERINI


















ALDA MERINI (1931-2009)

Alda merini nasce a Milano il 21 marzo 1921. Frequenta le scuole professionali, chiede di essere ammessa al liceo ma non supera la prova d'italiano. Esordisce come autrice alla tenera età di quindici anni. Nel 1947 viene internata per un mese all'ospedale psichiatrico Villa Turno. Nel 1953 sposa Ettore Carniti dal quale avrà la sua primogenita Emanuela. La poetessa inizia poi un triste periodo di silenzio e di isolamento e viene internata al "Paolo Pini" fino al 1972, periodo durante il quale non manca comunque di ritornare in famiglia e durante il quale nascono altri tre figli. Dopo alternati periodi di salute e malattia che duranto fino al 1979 Alda torna a scrivere. Lo fa con testi intensi e drammatici che narrano della sua esperienza in manicomio. I testi sono raccolti nella "La Terra Santa" pubblicato nel 1984. Rimasta vedova Alda da in affitto una camera della sua casa al pittore Charles con il quale poi si sposerà nel 1983. Alda si trasferisce tre anni a Taranto dove verrà di nuovo internata. Torna poi a Milano dove ritroverà la serenità. Sono questi anni produttivi che la porteranno a vincere numerosi premi letterari, uno su tutti il "Premio Viareggio" nel 1996. Il suo ultimo lavoro è datato 2006. Alda Merini muore a Milano il 1 novembre 2009 nel reparto di oncologia dell'ospedale San Paolo a causa di un tumore osseo.


POETI

I poeti lavorano di notte
quando il tempo non urge su di loro,
quando tace il rumore della folla
e termina il linciaggio delle ore.

I poeti lavorano nel buio
come falchi notturni od usignoli
dal dolcissimo canto
e temono di offendere Iddio.

Ma i poeti, nel loro silenzio,
fanno ben più rumore
di una dorata cupola di stelle.



Io credo che l'esperienza di Alda in manicomio si un qualcosa che vada al di là dell'immaginazione, la follia è un mondo parallelo e solo chi ha conosciuto un pazzo può cercare di capirne l'essenza. L'essenza celata dietro quegli sguardi allucinati, quelle vocine acute, quelle risate stonate.




Dato che si tratta di una poetessa molto speciale vi lascio due link.


Adesso fate come vi dico: "smettete di leggere, cliccate qui sotto, mettetevi seduti e chiudete gli occhi... la magia dell'ascolto farà il resto" ; )


LETTERE

CANZONE

lunedì 2 novembre 2009

TUTTI I COLORI DEL LUNEDI

AZZURRO

























Questa settimana nel mio girovagare mi ero messa in testa di fotografare tutto il rosa che avesse intralciato il mio cammino e invece ovunque giravo lo sguardo.... !!! Così il rosa dovrà aspettare. L'azzurro è un colore che mi piace abbastanza anche se non ci vado matta, lo associo alla leggerezza, alla tranquillità, al riposo e soprattutto a mia mamma : )

sabato 31 ottobre 2009

CIMITERO CHE PASSIONE




Tra due giorni sarà il 2 novembre, giorno in cui si va al cimitero a trovare chi non c'è più. Fin da piccola amavo molto questo momento, mi piaceva andare con tutta la famiglia a comprare i fiori: "solo rossi per la zia Teresa perchè quello era il suo colore preferito". Poi varcare il cancello ed entrare nel regno dei morti.
Ricordo che la maggiorparte delle volte pioviginava perchè ho l'immagine di me e mio fratello con gli ombrelli anche se noi li utilizzavamo per fingere di essere ciechi!!!
La prima tomba che incontravamo era quella di mio nonno Giulio, lì vicino poi c'era quella di un ragazzino amico di mio padre di cui lui ci raccontava sempre la storia. Dopo scendevamo nella parte nuova del cimitero dove si trovano le mie zie preferite: Teresa e Delfa. Ho sempre voluto essere io a mettere i fiori rossi, ricordo l'emozione forte nel sentirle così vicine da poterle quasi sfiorare davvero.
Risalendo ci fermavamo a fare due risate da mio nonno Vincenzo, un uomo che ne ha combinate così tante che anche da morto ci faceva ridere!!! Tornando verso l'uscita ci sono tre cose che devo fare. La prima è leggere le iscrizioni bellissime sopra alcune tombe. La seconda è lasciarmi intenerire dai loculi spogli di fiori e di lumini, coperti di polvere e ragnatele e domandarmi come mai nessuno li va mai a trovare.
Poi dopo il saluto alla zia Peppona il mio solito urlo: "ASPETTATEMI UN ATTIMO QUI....!", la mia corsa tra le cripte alla ricerca di Lui... non trovarlo... mio padre che mi chiama... io più veloce lo cerco... non potrei mai andare via senza avergli dato la rosa. E poi eccolo lì il mio capitano nel suo mezzo busto di bronzo incurante del tempo che passa... bellissimo. Lo guardo e ricordando il suo eroismo depongo la rosa. Di nascosto lo bacio e corro via. Quando varco il cancello di uscita mi sento spaesata, come fossi appena uscita da un cinema.
Sono alcuni anni che per cause di forza maggiore non sono potuta andare, ma, il 2 novembre sono sempre un pò malinconica e mentalmente immagino di fare il solito giro e di incrociare ancora una volta lo sguardo del mio capitano.



lunedì 26 ottobre 2009

TUTTI I COLORI DEL LUNEDI

MARRONE

























Il colore che ho scelto e fotografato questa settimana è il marrone.
Ho dovuto pensarci un pò per sapere dentro di me cosa rappresenta questo colore poi l'ho capito. Il marrone a me fa pensare all'autunno, al vento, alla pioggia, al caminetto acceso, a due bicchieri di vino, questo poi è il colore che associo a mio padre.


sabato 24 ottobre 2009

ALTRO CHE CIOCCOLATO!!!




















Domenica scorsa si è conclusa a Gubbio "Altrocioccolato", la manifestazione che si propone come alternativa ad Eurochocolate che si svolge invece a Perugia.
La differenza fra queste due manifestazioni che si occupano entrambe di cioccolato stà che da una parte c'è una manifestazione prettamente commerciale, dove partecipano le multinazionali del cacao e dall'altra "Altrocioccolato" dove gli attori principali sono i produttori di cioccolato equo e solidale.
Per chi non lo sapesse, il commercio equo e solidale riconosce ai produttori del sud del mondo il giusto prezzo per il loro lavoro e per il prodotto che producono. E' un tentativo di intervenire sulle disparità tra paesi ricchi e poveri utilizzando il commercio. A fronte di un 5% che viene pagato dalle multinazionali, il commercio equo e solidale riconosce un terzo del prezzo finale. Questo chiaramente comporta guadagni più bassi. I prodotti equo e solidali si possono trovare oltre che nelle botteghe anche alla Coop e al Conad.

A questo punto buona abbuffata solidale a tutti!!!



giovedì 22 ottobre 2009

PREMIO











 











Ma chi lo immaginava che ci fossero pure dei premi per i blog?!?!? Bè che dire... è stato bello scoprirlo così!!! Grazie Alessandra!!! Il blog di Alessandra dal quale ho ricevuto il premio è http://design-you.blogspot.com/ vi consiglio vivamente di farci un giretto!!!

Ora le istruzioni:

1) Si ringrazia la persona che l'ha conferito.
2) Si copia il logo e lo si sistema da qualche parte nel blog.
3) Si linka la persona che ci ha premiato.
4) Si svelano sette cose di noi che per i nostri lettori sono ancora ignote.
5) Si nominano 7 bloggers cretaivi.
6) Si linkano i fortunati vincitori al post originario in cui sono stati nominati.
7) Si avvisano i 7 premiati per mezzo di un commento nei loro blogs.



Vediamo un pò... sette cose che non sapete di me....

1) Vado pazza per i cappelli;
2) Da quando sono rimasta incinta mi è cambiato il colore dei capelli e mi capita che in molti mi chiedano se me li tingo!!!
3) Sono un abilissima giocatrice di bigliardino e ping pong.
4) Il mio frutto preferito è la pesca.
5) Il 25 aprile è il giorno più importante della mia vita per tre diversi motivi.
6) Sono stata il capitano di una squadra di calcetto.
7) Il mio blog si chiama così perchè l'ho iniziato nelle notti in cui mia figlia Bianca stava sveglia!


I sette blog che preferisco:

1) http://overlooklondon.blogspot.com/
2) http://cartatadiresche.blogspot.com/
3) http://squilibrato.blogspot.com/
4) http://22passi.blogspot.com/
5) http://pottolina-comequandofuoripiove.blogspot.com/
6) http://tonidemuro.blogspot.com/
7) http://immaginidiunmondofluttuante.blogspot.com/


Grazie ancora ; )


lunedì 19 ottobre 2009

TUTTI I COLORI DEL LUNEDI

Chi ha detto che il lunedi deve essere per forza un giorno grigio? Certo, sancisce la fine del week-end e l'inizio della settimana ma proviamo a colorarlo e magari sembrerà meno pesante! Così da oggi per undici lunedì proverò a dargli un pò di colore.
 

                                                 


















 







ROSSO

Per m
e il rosso è il colore della forza, dell'energia in divenire, della passione e delle emozioni forti. Per quasi trent'anni è stato il mio colore preferito! E a voi cosa fa venire in mente questo colore?

Pensateci su..... io intanto passerò la settimana andando a caccia, armata della mia inseparabile macchinetta fotografica, del prossimo colore.... buona settimana a tutti!!!



sabato 17 ottobre 2009

REGALATEMI UN ECO-TRENDY


























L'11 ottobre mia figlia ha compiuto un anno e tra i tanti bellissimi regali che ha ricevuto ce ne è stato uno in particolare che mi ha colpito. Il regalo è stato acquistato in un negozio che ha appena aperto a Perugia: Eco-trendy. Questo marchio propone prodotti di aziende che promuovono la realizzazione e il commercio di articoli che rispettano l'uomo e l'ambiente. Uno spazio che vuole propangandare prodotti ecologici: dai pannolini bio-degradabili ai giochi in legno ai vestiti in cotone organico, coltivato senza pesticidi e colorato in modo naturale. La cosa più originale di questo negozio sono però le iniziative messe in atto:

MERCATINO DELLE OCCASIONI utilizzato dai genitori per rivendere abiti che i bimbi non utilizzano più.

SWAP PARTY festa organizzata per barattare oggetti dei bimbi ancora nuovi che non sono mai serviti con altri più necessari. Tutto questo mentre si fa merenda in allegria.

GARAGE SALE un mercatino dell'usato pesante, come carrozzine, culle, box.

Qui a Perugia mancava un negozio così e sicuramente d'ora in poi molti dei miei regalini verranno da lì!!!




sabato 10 ottobre 2009

LAURA MARCUCCI CAMBELLOTTI

La scorsa settimana sono andata a tagliare i capelli e mentre attendevo fiduciosa il mio turno mi sono fatta una cultura di gossip sfogliando le riviste. Casualmente ho letto un articolo su un artista molto originale: Laura Marcucci Cambellotti.





Laura Marcucci Cambellotti è nata nel 1912 e tutt'ora dipinge!!! E' figlia di Alessandro Marcucci, pedagogo che assieme a Sibilla Aleramo e Giovanni Cena promosse l'esperienza delle scuole per i contadini dell'Agro Pontino. Negli anni 50-60 è a Cinecittà impegnata a ideare gioielli e costumi per grandi film, da Cleopatra a Ben Hur. Oggi Laura abita a Roma in una casa avvolta nel verde e nel silenzio, qualità che ritiene indispensabile per lavorare. Nonostante l'età Laura sta al cavalletto otto ore al giorno concedendosi solo un piccolo riposo pomeridiano.
Ciò che rende particolare questa artista rispetto ad altri è il fatto che a seguito di gravi problemi alla vista ha dovuto abbandonare colori e pennelli ed ora dipinge con i fili di lana. La lana infatti le consente di lavorare con lentezza e di utilizzare le sfumature.
Da allora Laura ha realizzato circa 300 arazzi.
Una mostra le è stata dedicata la scorsa primavera a Villa Torlonia (Roma).
L'entusiasmo di questa donna è sintetizzato in un foglietto che spicca tra altri all'entrata del suo studio: "Non smettere mai di cominciare. Non cominciare mai a smettere".
Dopo tutto ogni tanto tra una tetta e l'altra anche nei giornali spazzatura si può trovare qualcosa di interessante!!!!



sabato 3 ottobre 2009

IL PRANZO E' SERVITO
















 


Ieri dopo tanto tempo mi è capitato di dover restare a pranzo fuori. Così ho comprato un panino e sono andata in un parco dove ho mangiato sotto l'ombra di un grande pino. Mentre ero lì sola soletta mi è venuto in mente mio padre. Mio padre che non ha mai saltato un pranzo in famiglia. Mio padre a tavola che per la milionesima volta ripete quanto sia immportante mangiare tutti insieme. Anche quando facevo l'università e a causa delle lezioni restavo a pranzo fuori sapevo che gli avrei dato un dispiacere. A me questa cosa faceva arrabbiare ma arrabbiare proprio tanto. Da brava adolescente cercavo sempre di fare o dire tutto il contrario di ciò che faceva o diceva mio padre. Quindi il suo attaccamento al pranzo in famiglia era per me fonte di scontro e discussione.

"Ma possibile che anche se lavori lontano smetti un ora prima per tornare a pranzo?" (premesso che mio padre lavora in proprio).
"Chiara, il momento più importante della giornata sono i pasti e io li passo in famiglia".
"Ho capito ma non moriva nessuno se oggi non tornavi........".
"Invece si, io volevo tornare, non mi interessa perdere un ora di lavoro"
"Si... si... ma se io farò un lavoro che non mi permetterà di tornare a casa cosa faccio? mi uccido?".
"No, e i giorni che potrai farlo tornerai".

Sono passati dieci anni. E ora eccomi qui, per fortuna faccio un lavoro che mi permette di tornare a pranzo e come mio padre faccio i salti mortali per stare con la mia famiglia. Quando come oggi non ci riesco mi sento triste e penso di non aver fatto abbastanza. E così eccomi qui sotto un pino a pensare all'importanza del pranzare insieme, al rito di ritrovarsi a casa a preparare il pranzo, raccontarsi, mangiare di corsa lasciando tutto sporco con i piatti da lavare e uscire con il pensiero di ritrovarsi tutto il casino alla sera. Ma tutta questa fatica, gli sbuffi e la stanchezza non intaccano la gioia che provo nel rientrare a casa e vedere il sorriso delle mie bimbe e di Riccardo. Insomma aveva ragione mio padre... ma se lo doveste incontrare non glielo dite... è una questione di orgoglio e amor proprio!!!!



sabato 26 settembre 2009

LEAH GOLDBERG

























LEAH GOLDBERG (1911-1970)

Di origini ebraiche nasce nel 1911 a Konigsberg, nella Prussia Orientale e trascorre infanzia e adolescenza a Kovno, in Lituania. A sedici anni pubblica la sua prima poesia in lingua ebraica. Studierà poi a Berlino e a Bonn. Nel 1935 si stabilisce definitivamente a Tel Aviv e nello stesso anno pubblica il suo primo libro. Nel 1954 diventa docente di letteratura presso l'università ebraica di Gerusalemme. E' autrice di romanzi, poesie, commedie e saggi. Goldberg che parlava sette lingue ha tradotto numerose opere straniere in ebraico. Muore nel 1970.

VERSO DI ME

Di memorie d'amore
gli anni hanno adornato il mio viso
segnandomi i capelli di lievi filigrane grigie:
son diventata così bella

Paesaggi riflessi
nel mio sguardo
strade percorse
han marcato i miei passi

Se ora mi vedessi
non troveresti il tuo passato.
Torno a me
con un volto che invano cercasti
quando ti venivo incontro.


sabato 19 settembre 2009

ANDY WARHOL.... A PG!!!!




Oggi 19 settembre verrà inaugurata a Perugia una mostra su Andy Warhol.
Si tratta della più grande mostra antologica italiana dedicata al pittore, scultore e regista statunitense. Per oltre un mese 130 opere faranno bella mostra nel centro storico della città. Verranno esposte 90 opere originali e 40 invece tra offset, stampe e litografie che saranno esposte in esercizi commerciali, ristoranti e residenze d'epoca tra le più note di Perugia.
Andy Warhol è famoso per aver dipinto le storiche bottiglie della CocaCola e le leggendarie lattine di zuppa Cambell's. La sua notorietà è data anche dai ritratti fatti a personaggi famosi tra i quali Marilyn Monroe, Elvis Presley e Mao Zedong.

Non mi resta che darvi il programma e aspettarvi a Perugia!!!!


19 settembre - 11 ottobre 2009, l'esposizione si terrà presso il Centro Servizi Camerale Galeazzo Alessi (via Mazzini, centro storico).

12 ottobre - 25 ottobre 2009
, l'esposizione si terrà presso l'Ipso Arts Gallery, (via Bonazzi, centro storico).


Martedi 15 settembre - ore 11 conferenza stampa al Castello di Monterone (pg).
Sabato 19 settembre
- ore 11 inaugurazione mostra con taglio della "torta Marilyn" più grande al mondo nel centro storico di Perugia.
Sabato 3 ottobre
- ore 21 Serata Warhol presso la sede della mostra.
Venerdi 9 ottobre
- ore 22 concerto "Anima e Ragione" presso il Velvet (pg).
Sabato 17 ottobre
- dalle 22 alle 6 Notte Warhol. Presenti personaggi del Jet-Set dello spettacolo presso la sede della mostra.
Domenica 25 ottobre
- ore 21.30 party Warhol presso il Velvet (pg).

Per ulteriori informazioni www.pubbliwork.it


sabato 12 settembre 2009

CLASSI SEPARATE? NO GRAZIE.







Io di norma tendo a fuggire i discorsi sulla politica, sulla religione o sulle problematiche sociali. Questo perchè credo siano argomenti così sfaccettati e complessi da non poter essere affrontati con chiunque. Una granparte delle persone infatti ha grossi pregiudizi e tende a parlare utilizzando luoghi comuni. Il mio pensiero invece è in continuo movimento e cerco sempre di farmi una mia idea su tutto. Proprio per questo evito sempre discussioni sterili su questi argomenti. Premesso ciò qualche giorno fa mi sono ritrovata a parlare di classi separate a scuola con la mamma di una mia amica. In realtà parlavo da sola perchè dopo due frasi lapidarie: "magari le facessero" e "devono tutti tornare al loro paese", si è allontanta non dandomi il tempo di rispondere.
Lo faccio ora.














Come si può pensare nel 2009 che le classi separate possano servire a risolvere il grande problema dell'integrazione? Come si può pensare nel 2009 che tenendo separati i bambini italiani da quelli stranieri si risolva il problema della qualità dell'istruzione? In Italia la sfida dell'integrazione inizia ora e questo ci avvantaggia perchè possiamo prendere ciò che ha funzionato in altri paesi evitando di compiere gli stessi errori. Ora qui stanno crescendo le prime generazioni di bambini nati da immigrati, sta a noi favorirne l'integrazione, farli sentire veri cittadini italiani e non italiani di serie B. Lo sò che l'immigrazione porta molti problemi, conosco persone che abitano in condomini dove loro sono gli unici italiani e la situazione è molto difficile: musica ad alto volume di notte; sporcizia; auto in sosta selvaggia; figli lasciati soli in casa. Ma per quanto siano intollerabili queste situazioni, per quanto nessuno voglia avere vicino persone che non rispettanto in alcun modo le regole del vivere civile, non dobbiamo far ricadere le colpe dei genitori sui bambini. Se non si può lavorare con gli adulti educhiamo i bambini. Se li separiamo nelle scuole coltiveranno l'odio, il senso di inferiorità e quello di rivalsa. Usciti da scuola si formeranno le bande, interi quartieri diverranno OFF LIMITS e a quel punto dovremo giustamente avere paura. Ma oggi siamo ancora in tempo, invece di fare classi separate mettiamo un insegnante in più formato per lavorare con queste tematiche, per quanto possibile lavoriamo con i genitori. Non lasciamo che la rabbia e la paura verso gli immigrati diventi indiscriminata. Coltiviamo la speranza che questi ragazzi diventino dei bravi cittadini al di là del paese di provenienza dei loro genitori. Ma se questa è l'aria che tira non mi stupirei se tra qualche anno sentiremo parlare di pena di morte.

BUON ANNO SCOLASTICO A TUTTI!!!



sabato 5 settembre 2009

ANNE SEXTON




















ANNE SEXTON (1928-1974)

Anne Sexton nasce a Newton (Massachusets), terza figlia di un ricco propiretario di un lanificio alcolizzato. A diciannove anni sposa un solido commerciante, da cui avrà due figlie e intanto lavora come modella. Preda di frequenti e gravi crisi depressive, tenta una prima volta il suicidio nel 1956. A ventinove anni scopre la sua vocazione poetica durante un ricovero in un ospedale psichiatrico e incoraggiata anche dai medici in questa sorta di
poetry gherapy si dedicherà da allora per tutta la vita a scrivere versi. I suoi primi tre libri hanno molto successo ed è tra i poeti meglio pagati d'America. Insegna per un anno alla high school. Dal 1970 al 1974 tiene corsi di creative writing alla Boston University. Nel 1971 Transformations, la riscrittura in versi delle fiabe dei fratelli Grimm. Il 4 ottobre 1974 indossa una pelliccia della madre, si chiude in garage, accende il motore e muore avvelenata dal monossido di carbonio.


I CAMPANELLI

Oggi il manifesto del circo
pende dal muro
e i bambini hanno dimenticato
se mai hanno saputo.
Padre, ti ricordi
solo il suono è rimasto
il tonfo in lontananza degli elefanti miti
il ruggito dei vecchi leoni
e i campanelli che tintinnavano
per l'uomo volante.
Io ridevo
ora issata in alto sulle tue spalle
ora in basso tra ruvide gambe di estranei
e non avevo paura.
Mi tenevi per mano e
i tre anelli del pericolo
mi spiegavi rapido.

Guarda che pagliaccio impertinente
che parata bizzarra
mentre l'amore, l'amore cresceva
e in anelli mi avvolgeva.
Il suono nacque allora e fu così;
noi col fiato sospeso lì a guardare
l'uomo volante fendere l'aria
scalare il vuoto
contro un cielo di tavole di legno.
Ricordo il colore della musica
e i tuoi campanelli che tintinnano
e che da allora sempre
m'appartengono.

sabato 29 agosto 2009

RICORDOGRAFIE

















Quando si torna dalle vacanze l'unica cosa che resta come ricordo di quei giorni passati sono le foto. Le foto e il piacere di farle vedere ad amici e parenti. Le foto e il piacere di pubblicarle su facebook o sul proprio blog per far vedere a tutti dove si è stati. Oggi quasi tutti abbiamo la macchinetta fotografica digitale e quindi già prima di rientrare dalle vacanze possiamo vedere le foto fatte senza aspettare lo sviluppo del rullino. Io però non le riguardo mai prima di essere tornata a casa: voglio ancora la sorpresa!!!!
Ricordo quando ero piccola, la corsa dal fotografo con i rullini, la trepidazione andando a riprendere le foto per vedere se era venuta quella al ragazzo che mi piaceva o quella fatta di notte durante il falò o al bagno di mezzanotte.
Bene cari ricordografi, ho una chicca per voi.
Cliccando su il mio libro.it si può creare il proprio album fotografico organizzando le proprie foto, scegliendo formato e tipo di rilegatura e si può arricchire l'album con didascalie e testi. Una volta impaginate le foto l'album viene stampato e in pochi giorni lo si riceve a casa. Può essere anche una bella idea per un regalo.

Intanto io da brava ricordografa retrò vado a sfogliare i miei vecchi album un pò scollati con le foto qua e là ma sempre belli ed emozionanti da guardare.




sabato 22 agosto 2009

UOMINI LIGHTS




Questa mattina verso le undici mi è venuta una voglia matta di piadina rucola e stracchino. Dato che per il pranzo mancavano almeno due ore ho deciso di togliermi lo sfizio e ho fatto tappa in una yogurteria che fa anche le piadine. Dopo cinque minuti eccomi seduta tutta contenta ad addentare la mia preda!
Quando ho quasi finito di mangiare vedo entrare nel locale un uomo che a occhio e croce ha passato gli anta ma che si veste da giovane con canottiera bianca per mettere in evidenza il corpo muscoloso, pantaloni neri attillati e scarpe nike. I capelli sono ossigenati ed il volto è abbronzato il che mette ancora più in risalto gli occhi verdi.
L'uomo si avvicina veloce al bancone e chiede: "nel fare lo yogurt aggiungete latte intero"? La commessa presa alla sprovvista dalla domanda non capisce. L'uomo allora chiede ancora: "nello yogurt aggiungete latte intero"? La commessa allora gli spiega che essendo un franchaising lo yogurt che loro servono arriva già pronto. L'uomo risponde che lo sa ma che in alcune yogurterie gli hanno detto che al preparato aggiungono del latte. Io tra me e me penso che l'uomo soffra di una strana allergia al latte intero e che quindi può consumare solo prodotti fatti con latte parzialmente scremato. La commessa intanto stà dicendo che loro non aggiungono latte. L'uomo allora dice: "oh! bene, allora vuol dire che i valori nutrizionali per ogni coppetta di yogurt scritti nella vostra tabela sono giusti. Quindi i lipidi sono pochi. Ok fammi una coppetta piccola senza niente". Inutile dire che la coppetta viene divorata in pochi secondi come non mangiasse da un mese.
A questo punto vorrei dire BASTA. BASTA a questi uomini effemminati, attenti alla linea, che si depilano e fanno le lampade. BASTA agli uomini che si tingono i capelli e per i quali la palestra è una seconda casa.
Io credo di non essere la sola ad amare l'uomo con qualche capello bianco che non dà importanza al corpo scolpito o all'abbronzatura. Se vado a cena l'altro commensale non può mangiare un insalata! L'uomo troppo peloso in realtà non mi piace molto però lo lascerei all'istante se lo scoprissi a farsi ceretta e sopracciglie!
Uomini vi prego siate uomini che a noi donne piacete di più!



sabato 15 agosto 2009

NARA FONTANI




















Mi presento a voi con semplicità: mi chiamo Nara Fontani, sono nata a Montepulciano (SI) ma risiedo a Pontremoli (MS). Fin da bambina mi piaceva scrivere e scrivevo tutto quello che la mia fantasia e il mio pensiero romantico mi suggerivano. Ancora oggi scrivo racconti di vita quotidiana, poesie e ricordi che affiorano alla mia mente, descrivo persone che ho conosciuto. Amo gli animali e d'ho voce alle loro emozioni. Ascolto la buona musica e a volte resto alzata fino a tardi per scrivere: ho il mio diario. Tutto questo è bello, mi sento viva e non sento gli anni che passano. Forse vi ho annoiato con questa presentazione ma credetemi, cercate d'avere tanti interessi e vi sentirete pieni di vita. I ricordi della mia infanzia hanno lasciato un impronta nel mio cuore. Questi lavori li ho tenuti a lungo nascosti nella mia scrivania e ora ne ho fatto una raccolta. Vi svelo un segreto, con timore ho partecipato al premio europeo di arti letterarie "Via Francigena 2006" e con sorpresa ho ricevuto il premio speciale della giuria il 2 luglio 2006 al Teatro della Rosa a Pontremoli. Alla cerimonia erano presenti scrittori e poeti di tutta Italia. In quella occasione ricorreva la festa della Madonna del popolo, festa grande per noi pontremolesi. Quel giorno ho ritirato la mia targa e la mia pergamena. Devo dire: "Le vie del Signore sono infinite.. Dio ti ringrazio".


MIO SOGNO

E' notte.
Penso, guardo.
Fuori c'è buio, a tratti nevica.
Malinconico tempo,
brillano luci nella strada deserta.
Un gatto miagola
girovagando per la casa.
Cerco la penombra della sera.
Le stelle brillano in cielo,
sogno di essere ancora bambina,
i ricordi affiorano alla mia mente
ma nell'età matura trovo ancora
la gioia di vivere e sognare.
La magia della vita mi è amica.



venerdì 7 agosto 2009

L'ALBERO DEI TELEFONI
















Due artiste estoni di Tallinn: Eve Arpo e Riin Kranna-Roos hanno creato un albero fatto di telefonini. Le due artiste hanno raccolto i cellulari delle persone che se ne volevano liberare per un giorno. Esse hanno voluto dimostrare che si può sopravvivere anche senza telefonino!!! Da studi condotti da Eurostat l'Italia è il paese dove si vendono più cellulari circa 2 a testa. I cellulari sono sempre con noi, sempre accesi tra sms, chat, e-mail. Con il telefonino riusciamo a colmare un bisogno primario dell'uomo quello di non essere mai soli. Con il cellulare riusciamo a gestire l'isolamento, la solitudine e la timidezza infatti dire una cosa con un sms è sempre più facile e meno impegnativo che dirlo di persona. Eve e Riin stanno portanto questa manifestazione in giro per il mondo e forse verranno anche in Italia. Il mio dubbio è questo: nel nostro paese troveranno persone pronte a separarsi dal loro amato strumento di comunicazione?!?!
Siate i primi!!!!


l'albero dei telefoni


sabato 1 agosto 2009

AIUTO-VACANZE
















Quando arriva l'estate arriva anche la voglia di staccare dal lavoro, dai colleghi, dal solito trantran e andare in vacanze. Ci sono tanti luoghi dove poter passare le nostre ferie: il mare, la montagna o le città d'arte. Ma c'è anche un altro modo di passare le proprie vacanze: dedicando il proprio tempo agli altri.
Certo questo tipo di vacanza non sarà di certo rilassante e al vostro rientro sarete tutto tranne che riposati ma di sicuro ne sarà valsa la pena.
Legambiente propone come ogni anno i "campi della legalità" dove ci si occupa del recupero di terreni e immobili confiscati alla mafia. Con Manitese si può partire alla volta dell'America latina a dell'Africa per aiutare donne e coltivatori. Con Ipsia (istituto pace sviluppo innovazione ACLI) si può andare a fare animazione giovanile in palestina. Sci (servizio civile internazionale) invece da la possibilità di lavorare con minori, disabili e anziani in Thailandia. I Dynamo Camp sono invece rivolti a far passare un estate di svago ai ragazzi portatori di handycap e alle loro famiglie con una sorveglianza di volontari 24 ore su 24.
A carico del partecipante ci sono le spese di viaggio, l'assicurazione e la quota "solidale" per l'organizzazione. Sono naturalmente previsti colloqui di selezione e corsi di aggiornamento prima della partenza.

Bene... pronti a partire?!

Cliccate qui sotto e buone vacanze!!!

www.legambiente.it
www.manitese.it
www.terreliberta.org
www.sci-italia.it
www.dynamocamp.org

sabato 25 luglio 2009

SIBILLA ALERAMO












SIBILLA ALERAMO (1876- 1960)

Sibilla Aleramo (pseudonimo di Rina Faccio) nasce ad Alessandria nel 1876. Giovanissima fu stuprata da un dipendente della vetreria del padre del quale rimase incinta e fu poi costretta a sposare, gravidanza che non portò a termine a causa di un aborto spontaneo. Prigioniera di un matrimonio non voluto e di un marito manesco cercò una via di fuga in una nuova gravidanza che portò alla nascita del figlio Walter. Ma la nascita del bambino non migliorò le cose e Rina tentò di avvelenarsi. Cominciò così a scrivere racconti e articoli per riviste femministe. Abbandona poi marito e figlio e si trasferisce a Milano. Nel 1899 assume la direzione del giornale milanese "Italia femminile". Dopo una relazione con Giovanni Cena, avrà tra i suoi amori Umberto Boccioni e una storia molto tormentata con Dino Campana. Nel 1925 sottoscrive il Manifesto degli intellettuali antifascisti. Negli anni della seconda guerra mondiale aderisce al comunismo. Muore a Roma nel 1960 dopo una lunga malattia all'età di ottantatre anni.



ACERBO ORGOGLIO

Se bellissima ancora
quale un tempo mi dissero
essere vorrei talora,
e lume di perfezione
intorno sprigionare passando,
se i vent'anni obliati
riavere talora per te vorrei,
con la lor grazia aerea
alla tua simile che m'incanta,
un acerbo orgoglio tuttavia
il cuor mi solleva
per ciò che m'ami quale oggi sono,
così dalla lunga guerra lesa,
l'imminente sera sospesa
sulla chiara fronte,
e nel remoto tempo
ben così bramato avrei d'essere amata,
non per la bellezza di primavera soave
ma per il tessuto fore di mia vita,
forte tanto,
con la vena del canto aperta,
e in sua dolcezza limpida
tanto di nobiltà avvampante,
in tutto simile al tuo che adoro,
o mio fanciullo pur bellissimo.

domenica 19 luglio 2009

LETTERA APERTA AI DICIOTTO ANNI



















 







Ieri prima di tornare a casa ho preso tutte le mie vecchie cassette ed è stata dura selezionarne solo alcune canzoni. Poi ne ho scelte tra i miei CD e tra quelli di Riccardo. Riascoltando la cassetta appena completata ad ogni canzone penso: "ma questa che diavolo ce l'ho messa a fare?".
Ci ho riflettuto e ho capito che questa cassetta è un mix.. un mix di tante cose:

  • dei miei 18 anni
  • di canzoni allegre
  • di canzoni d'amore
  • di canzoni fatte per chi compie 18 anni e che non possono non esserci
  • di canzoni dedicate a te
  • di canzoni che sò che ti piacciono
  • di canzoni "mie e di Nando"!
  • di canzoni nuove che ti volevo far sentire.
Tutto questo l'ho fatto tra una dormita e l'altra della Teresa e tra un boccone di pappa e l'altro. Questa volta sono stata attenta e la cassetta è venuta perfetta, non ci sono canzoni interrotte o che iniziano a metà!!! 18 anni!!! la mia sorellina.. anche Buchino non se ne capacita (è fidanzata? ma quanti hanni ha?)!!!
Se ripenso a quel 7 dicembre 1995, ai miei 18 anni, mi sembra lontanto e vicino allo stesso tempo. Quel giorno mi sentivo grande, come se ormai la mia vita fosse certa, stabilita. Ora a distanza di 11 anni mi rendo conto che la mia vita è iniziata allora, che fino a quell'età ero stata una bambina e da li piano piano ho iniziato a crescere. Quante cose ancora mi aspettavano:

  • non ero mai stata in discoteca
  • Montebello era solo una zona di Perugia
  • ero certa di non fare l'università
  • stavo con Mattia e non conoscevo Cristiano
  • l'Irene era la mia migliore amica
  • tu facevi la prima elementare
  • iniziavo le riprese della Banda dei Cobra
  • Teresa era solo il nome di mia zia.
Cara sorellina, ti auguro un futuro pieno di esperienze belle, di viaggi, di amicizie, di avventure e soddisfazioni, di notti in centro e nuotate al mare. Divertiti rimanendo sempre quella persona dolce e preziosa che sei: ELISA.

Chiara.


N.B.
Indovina la canzone che Nando mi ballava?!?!

P.S.
il marchio Bifarini... sul lato B una canzone è interrotta.. ma p...a miseria!!!




sabato 18 luglio 2009

BIBLIOMETRO'






Avete voglia di leggere un libro ma avete esaurito tutti quelli della vostra libreria?
Avete voglia di leggere un libro ma quello prestatovi dal vostro amico non vi entusiasma?
Avete voglia di leggere un libro ma pochi soldi da spendere?
Avete voglia di leggere un libro ma poco tempo da passare in libreria alla ricerca di quello giusto?

Bene ho io la soluzione che fa per voi: "andate a Perugia e prendete il minimetrò"!!!
Libri in carrozza è un'iniziativa promossa dalle biblioteche del comune di Perugia in collaborazione con Minimetrò s.p.a. Ad ogni fermata in un apposito contenitore verde vengono esposti dei libri che si possono prendere e sfogliare durante la permanenza nel minimetrò. Se il libro che avete sfogliato vi è piaciuto, nell'adesivo al suo interno troverete le istruzioni per prenderlo in prestito presso le bibleotiche comunali. I libri vengono ritirati dalle stazioni ogni venerdi e nuovi volumi vengono messi il sabato mattina successivo.

Buona lettura a tutti.


Related Posts with Thumbnails